Della collocazione e delle caratteristiche generali del magico arcipelago di Raja Ampat, Indonesia, ve ne ho già parlato quì.

Ora vi racconto quello che potete fare in giro per questo arcipelago fortunato. La vostra guesthouse vi proporrà svariate escursioni giornaliere e dovete aver un po’ di fortuna nel trovare altri compagni di viaggio così da poter dividere il costo della stessa. Come vi dicevo l’isola di Kri è davvero comoda per spostarsi e raggiungere punti di una bellezza senza paragoni. I punti top che potete andare a vedere sono:

  • PIANEMO. Primo posto in assoluto per bellezza e paesaggio. E’ un arcipelago disabitato molto roccioso e verdissimo con piccole lagune dal color smerdaldo acceso. Nello stesso luogo troverete anche una laguna a forma di stella.. eh si, è la star lagoon.. incantevole! Ci si arriva solo via mare ovviamente. Per il primo punto: il piccolo molo dove arriverete è popolato da granchi del cocco (ingabbiati) e da locali che vi vendono cocco e dolcetti. Salite la scala (piuttosto agevole) e una volta arrivati in cima lo spettacolo è assicurato!

  • MANTA POINT: come dice la parola stessa è un punto strategico per l’avvistamento delle mante giganti, ma solo in alcuni periodi dell’anno.
  • LINGUA DI SABBIA TRA KRI E MANSUAR VERSO OVEST: è una striscia di sabbia bianchissima che separa le 2 isole. Intorno trovate tappeti di stelle marine, tanti pesci, conchiglie giganti e a me è successo di nuotare con una tartaruga quando l’acqua arrivava appena al ginocchio. Palme che si buttano in mare e silenzio assoluto. Insomma il paesaggio che vedete nelle cartoline dei mari lontani.

  • ARBOREK: è l’isola più ‘civilizzata’ dell’arcipelago perchè quì le capanne sono in muratura e c’è una sorta di ordinamento da villaggio, con centri sub e locali che vivono sulla stessa. All’arrivo troverete un molo con passerella ampia e una bella spiaggia con qualche lettino di canna di bamboo. L’interno dell’isola non l’ho esplorato perchè ho tenuto la faccia piantata sul fondale marino. Ad appena 5/7 metri dalla riva si può trovare già una popolazione corallina sbalorditiva. Non esitate ad andare sotto il pontile del molo; lì intonro ai grossi pali ancorati sul fondo marino ci sono famiglie di pesci angelo/farfalla/pappagallo/balestra/chirurgo/unicorno/pipistrello, cavallucci marini, lumache di mare e tanti altri.

 

  • PASIR TIMBUL: si tratta di una lingua di sabbia che emerge con la bassa marea. Io personalmente ci sono stata al tramonto quando l’acqua non era così bassa. Inutile dire che siete nel bel mezzo del nulla, se non di un mare dall’incredibile color azzurro intenso. 

  • KRI ISLAND: l’isola di Kri è una scaglietta nel grande Oceano che la circonda ed è ricoperta interamente da giungla. Vale la pena avventurarsi sulla sponda nord-ovest..indovinate il perchè? perchè anche quì ci sono fondale e paesaggio da toglier il fiato. Anche quì troverete facilmente tartarughe verdi da ‘inseguire’ e come sempre tanto tanto tanto corallo colorato ricoperto da pesci variopinti. Sulla spiaggia ci sono varie guesthouse quindi può essere un buon punto dove alloggiare.

 

Una volta arrivati quì, non perdetevi il tramonto dal punto più alto dell’isola. Bisogna avere un gps per sapere dove si sta andando ma se siete riusciti ad arrivare a Raja Ampat sicuramente un po’ di senso dell’orientamento ce l’avete 🙂 Da quì la vista è ovviamente molto suggestiva e vi sentirete davvero come dei naufraghi nel posto più bello del mondo.

Altre escursioni molto belle sono alla Jelly lagoon, Mike’s point Isola di Gam e Fam. Se avete un budget elevato a disposizione vi consiglio vivamente di fare il live on board (vi spostate su barca di giorno in giorno e dormire rimanete sulla stessa) verso Wayag, un sogno di posto. E se invece non ne avete abbastanza di queste isole sperdute e incontaminate fate rotta anche verso Misool, un’altra zona più a sud anch’essa con una vita sottomarina sbalorditiva.

 

 – E scoprirono dove la Natura teneva nascosta la Bellezza –
Luogo dove le notti sono piccole perchè illuminate anch’esse da Milky Way e plancton fluoluminescente, le giornate rilassate e in pace con il tuo bioritmo, gli animali sovrani vera forza del posto e noi, naufraghi volontari interessati a tutto con gli occhi sempre vigili sul fondale marino e il cuore sul picco più alto della giungla ad aspettare il calar del sole.. e neppure di notte riuscivamo a dormire per la costante voglia di scoprire! Tutto questo ma molto di più è stata la nostra Raja.. Grazie alla Natura che ci ha regalato questa esperienza incredibile!

When you are in the most amazing place of the World and you can find beautiful people also, you have the perfect pattern of Life! Thank to my friend Francesca Ferrari, Asmaa Nafi strong girl, Michał Filip & Piotr Kwoczka intrepid men, Cathy Sun the sunny girl and Risko our saviour.. And thanks to the Nature for everything.. See you my mates in the next 🙂

Tutto il mondo è bello ma quì un po’ di più 🙂

Share: